Idee Regalo Originali

 -

FRANCO NOCERA



franconocera.jpg
FRANCO NOCERA foto di MAURO DI GIROLAMO
Nato a Monreale nel 1948, è titolare della cattedra di pittura all'Accademia di Belle Arti di Palermo. Allievo di Alberto Ziveri, completa la sua formazione a Venezia con Emilio Vedova e Virgilio Guidi.
Dal 1962 espone in prestigiose gallerie d'arte. È stato invitato al concorso internazionale per una vetrata in Santa Croce a Firenze nel 1993, ottenendo il primo premio ex aequo.
Giovanissimo ha operato nel campo del mosaico con Michele Dixit ed ha partecipato nel 1964 ai restauri del Duomo di Monreale.
Successivamente viene chiamato ad insegnare, dopo un periodo di docenza nel Veneto, Tecnica e Storia del mosaico presso l'Accademia di Belle Arti di Palermo, sino al 1985.
A lungo si è anche interessato di ceramica, dirigendo importanti laboratori come quello di Elisa Messina, Ceramiche Erreesse, Ceramiche Semeraro.
Nel 1997 realizza in ceramica ingobbata, per il comune di Santo Stefano di Camastra, una grande decorazione parietale (Monumento ai caduti).
Contemporaneamente la pinacoteca della cittadina stefanese acquisisce 10 grandi dipinti che stanno in esposizione permanente.
Nel 1995 progetta e realizza la vetrata di 15 mq per la chiesa di San Tommaso D'Aquino a Palermo.
Per la Diocesi di Patti, progetta e realizza:
* nel 1999, tre grandi vetrate del Santuario di Tindari;
* nel 2003-2004, quattro vetrate e un grande trittico nella nuova Chiesa San Paolo di Librizzi;
* nel 2005, due vetrate nella Chiesa Madre di Militello Rosmarino;
* nel 2006, due vetrate nella Chiesa del Santissimo Salvatore in Sant'Angelo di Brolo.
* nel 2007, il rosone della Basilica Cattedrale di Patti;
* nel 2007, una vetrata nella Chiesa del Rosario a Piraino.
(Per la realizzazione delle vetrate si è avvalso della collaborazione dello studio del Prof. Italo Peresson di Milano).
Ha partecipato a rassegne nazionali come la “Theotokos” di Tindari, la “Lux Mundi” di Palermo e la XXXI Biennale Nazionale d'Arte di Milano, l'Expo Arte sia di Bologna che di Bari. Sue opere si trovano in vari Musei, Collezioni e Chiese.
A Cordoba, in Argentina, ha tenuto importanti stages di pittura con il patrocinio del Consolato Italiano. Per l'occasione il museo "Emilio Caraffa" di Cordoba gli ha dedicato uno spazio espositivo.
Collabora con la Fondazione Stauròs di San Gabriele dell'Addolorata (Teramo).
E' componente della Commissione diocesana di Arte Sacra della Diocesi di Patti, alla quale nel corso degli anni ha donato varie opere, che saranno esposte nella nuova sede del Museo diocesano di Arte Sacra, i cui lavori sono in fase di completamento.
Molti critici si sono interessati di lui fra cui: Irma Mattarella, Mariano Apa, Gonzalo Alvarez Garcia, Francesco Carbone, Vincenzo Consolo, Giovanni Bonanno, Lea Mattarella, Antonio Benemia, Aldo Gerbino, Gemma Salvo Barcellona, Daniela Di Fiore, Emilia Valenza.
Nel sito Interanzionale di Video: YOU TUBE vi è un Video Clip realizzato da MAURO DI GIROLAMO sopra la PITTURA SENSUALE DEL MAESTRO FRANCO NOCERA
http://it.youtube.com/watch?v=BU20HAVGfvs

SCHEDA ALL'ARTISTA:
MAESTRO DEL CORSO DI ARTE SACRA CONTEMPORANEA e DOCENTE DEL CORSO DI PIITURA presso L'ACCADEMIA DI BELLE ARTI di PALERMO
Telefono : ---
Cellulare : --
Indirizzo : -- -  Monreale- Palermo- (  Palermo )
e-mail : ---

sito personale dell'artista

Franco Nocera

Quello di Nocera è un narrare libero da condizionamenti, a volte sconvolgente, a volte poetico, ma sempre carico di un lirismo incisivo che ci mostra con lucida verità un giorno “qualsiasi” di un uomo e una donna che scoprono, dopo un incontro voluto da irresistibile attrazione, l’inizio di un viaggio dal coinvolgente erotismo; senza incertezze ne facili astrazioni, Nocera dipinge amplessi che rivelano una “violenza ancestrale”, la ricerca di una sopraffazione che non genera dolore e morte, ma il supremo esplodere di un indescrivibile desiderio di ulteriore vita, in una continuità che è certezza dell’esistere. La pittura di Nocera si avvale di atmosfere volutamente sfumate, per concentrare tutta la sua sapienza espressiva su un atto tanto naturale quanto celato alle menti che concepiscono la sensualità come qualcosa da nascondere, come un atto “sconveniente” da consumare al buio dalla più gretta ipocrisia. Ed è rammaricante dovere constatare la nostra iniziale ritrosia al cospetto di opere che vanno giudicate per ciò che esprimono, prima ancora di ciò che rappresentano; un colpevole pudore ci spinge, spesso, ad un’iniziale, affrettata osservazione. Ma ad una più attenta osservazione ogni opera passa davanti ai nostri occhi tumultuosamente e brevissime riflessioni, flash accecanti, ci invitano a importanti riflessioni. Le opere di Nocera, una volta viste, tornano più volte alla mente, prima come luci baluginanti, poi nitide e pressanti a popolare i nostri pensieri; una sensazione nuova, raramente avvertita e, quindi, esaltante e paurosa insieme. Queste opere scorrono lentamente nel nostro inconscio emergendo da una memoria esaltata, scossa come da qualcosa che sfugge, insistente, chiedendo una risposta che noi, ormai coinvolti in un vortice di sensazioni, probabilmente non sappiamo dare. Lo sforzo per sottrarci a questa atmosfera trasognata è violento e doloroso, eppure necessario per tornare nella dimensione necessaria che possa permetterci un’analisi distaccata delle opere di Franco Nocera. Ed ecco però che magicamente tutto, improvvisamente, ci è più chiaro: liberi da ogni deleterio condizionamento riusciamo a godere, in una esaltante interezza, una espressione pittorica che, oltre ai contenuti, si esalta nei colori; rossi, rosa e blu intenso accompagnano questa “storia d’amore” lunga un giorno o … una vita? Qualcosa che ha rappresentato e rappresenta ancora oggi un tabù, viene svelato da Nocera nella sua crudezza, ma anche con impareggiabile poesia, nella certezza che un “amplesso amoroso”, e tutto ciò che investe la sfera sessuale, se osservato dall’occhio ispirato di un artista, non valicherà mai il flebile filo che divide l’erotismo dalla pornografia, non volgendo mai ad una volgarità che offende e distrugge ogni anelito di armonico “sbocciare” della vita. E questo dal primigenio comparire dell’uomo sul nostro pianeta e … per sempre.
Claudio Alessandri

Eventi : EVENTI CONCLUSI Siracusa, Inaugurazione info... [GALLERIA D'ARTE SACRA CONTEMPORANEA SANTA MARIA] Isola Del Gran Sasso D'italia, XII Biennale d'Arte Sacra Contemporanea info... [MUSEO STAUROS D'ARTE SACRA CONTEMPORANEA] Taormina, Percorsi incrociati 3 info... [MUSEO MAZZULLO - PALAZZO DUCHI DI SANTO STEFANO] Palermo, Palermo Felicissima info... [GALLERIA STUDIO 71] Palermo, Franco Nocera info... [GALLERIA STUDIO 71] I colori dell'eros. La pittura di Franco Nocera di Gerbino Aldo - Mattarella Lea I colori dell'eros. La pittura di Franco Nocera di Gerbino Aldo - Mattarella Lea Dettagli del Libro: Autori: Gerbino Aldo Mattarella Lea Editore: Nuova IPSA Genere: arte Argomento: nocera, franco Collana: Colapesce arte Pagine: 32 ISBN: 8876761489 Data pubblicazione: 1998

<< indietro          cerca gli autori per genere e provincia

Ricerca personalizzata