Vetro

 -

Artigianato artistico su vetro, vetro tiffany




Il vetro, soffiato o lavorato alla fiamma, permette meravigliose realizzazioni di artigianato artistico. Molto usato anche per le bomboniere. Con il vetro si realizzano ciotole, vasi, biglie, perline, lampadari, sculture, portafrutta ecc.
Una collezione di riproduzioni estremamente dettagliate di piante ed animali in vetro è conservata al museo di storia naturale di Harvard. Tali oggetti furono lavorati alla fiamma da Leopold Blaschka e figlio mediante una tecnica di lavorazione segreta. I fiori di vetro di Blaschka sono ancora oggi fonte di ispirazione per gli artigiani moderni.
Alcuni artisti tra cui Sidney Waugh, Rene Lalique, Albert Dammouse, François Décorchemont, Emile Gallé, Almaric Walter, Gabriel Argy-Rousseau, Dale Chihuly e Louis Comfort Tiffany hanno prodotto straordinari oggetti in vetro. Il termine "vetro cristallo" derivante dal cristallo minerale, ha assunto la connotazione di vetro incolore di alta qualità, spesso ad alto contenuto di piombo, ed è in genere riferito ad oggetti raffinati soffiati a mano che dalla fine del 1800 hanno visto il fiorire delle Vetrerie Artistiche di Murano quali: Venini, Barovier, Seguso, Toso. La tecnica di lavorazione artigianale del vetro artistico, varia a seconda del tipo di oggetto che si vuole realizzare. L'artigiano del vetro può soffiare il vetro, lavorarlo alla fiamma oppure creare vetrate con forni che raggiungono la temperatura di fusione inglobando nella lastra base il motivo creato con vetri di colore diverso. È anche possibile tagliare il vetro con seghe al diamante e lucidarne le superfici, colorarlo o smaltarlo, il vetro colorato è stato usato per secoli e lo è tuttora, per realizzare mosaici, finestre e rosoni nelle chiese.


         pagine rimanenti:   28

1